Pandemia e petrolio. Qualche riflessione

Pubblicato il 13 Luglio 2020 in , da Giovanna Gabetta
Pandemia e petrolio

Uno degli effetti immediati della pandemia di Covid 19 è stata la diminuzione drastica del consumo di petrolio, che ha provocato anche il calo del prezzo, in un momento in cui era in corso una “guerra dei prezzi” tra Russia e Arabia Saudita, di cui abbiamo già parlato qualche tempo fa. Per noi consumatori, potrebbe essere una buona notizia. Con tutti i problemi che ci ha causato la pandemia, l’abbassamento del prezzo del petrolio potrebbe corrispondere alla diminuzione di molti altri prezzi, tra cui ad esempio quello del cibo, che sarebbe utile soprattutto a tutti coloro che hanno perduto il lavoro o sono in difficoltà.

La questione, però, è un po’ più complicata. Proviamo a fare qualche considerazione cominciando proprio dall’agricoltura e il cibo. Abbiamo già visto che il petrolio, o meglio i combustibili fossili in generale, sono molto importanti nella produzione di cibo. L’agricoltura utilizza i combustibili fossili in grandi quantità. Petrolio e gas sono materie prime per produrre fertilizzanti e pesticidi, e vengono usati come energia a basso costo in tutte le fasi della coltivazione: dalla semina al raccolto attraverso l’irrigazione e la concimazione, e in seguito per trattare, confezionare e distribuire i prodotti. Va aggiunto che i combustibili fossili sono essenziali per la costruzione e la manutenzione di tutti i macchinari e le infrastrutture che servono per la produzione di cibo, come appunto i macchinari usati nelle fattorie, nell’industria alimentare, nella conservazione, e poi per strade, camion e navi adibite al trasporto di cibo.

Proprio grazie ai combustibili fossili, quindi, si può produrre cibo in abbondanza e a buon prezzo.  Probabilmente alcuni di noi Pantere Grigie possono ricordare – forse ce lo hanno raccontato i nostri nonni – che un secolo fa il cibo era molto più costoso di adesso, in proporzione ai salari delle persone che lavoravano. E nonostante quello che molti dicono, un secolo fa soltanto pochi potavano avere una dieta ricca e variata. Molti dovevano accontentarsi di cereali (pane, pasta, riso, polenta…) e di qualche prodotto di stagione.

L’altra faccia della medaglia è che si produce cibo in eccesso. Già nel 2013 Imeche (Institution of Mechanical Engineers) ha pubblicato un rapporto nel quale si sostiene che “Attualmente si butta via fino al 50% di tutto il cibo prodotto. Gli ingegneri sono chiamati ad agire per promuovere un modo sostenibile di ridurre lo spreco nel passaggio dalla fattoria al supermarket e al consumatore”.

Pandemia e petrolio

Il rapporto tra prezzo del petrolio e disponibilità di cibo è illustrato nella figura qui sopra,  tratta da un rapporto di cui ho già avuto occasione di parlare ( Geological Survey of Finland, 22.12.2019, “Oil from a Critical Raw Material Perspective”). Qui si  considerano due possibili situazioni: in un caso, rappresentato dai rettangoli blu, si vede quello che potrebbe accadere se il petrolio, pur essendo disponibile, aumenta di prezzo: il prezzo del cibo aumenterà e questo porterà a una situazione di disagio sociale, perché i poveri non potranno acquistarne a sufficienza. Ma se il prezzo del petrolio diminuisce? A quanto ci dice l’autore del rapporto, potrebbe avvenire qualcosa di molto simile – che non ci aspettiamo. I rettangoli verdi rappresentano la situazione in cui il prezzo del petrolio diminuisce: in questo caso le aziende petrolifere non potranno più investire nella ricerca di nuovi giacimenti, e la disponibilità di petrolio scenderà al di sotto di quello che serve per sostenere la produzione di beni, tra cui soprattutto il cibo. Infatti, dato che i combustibili fossili sono indispensabili per l’agricoltura moderna, se la disponibilità di petrolio dovesse diminuire, la disponibilità di cibo ne potrebbe risentire.

Pandemia e petrolioAl di là del fatto che in questo schema si ipotizza che la scarsità di cibo provochi la nascita di ribellioni (Civil unrest), è interessante notare che la pandemia di Covid 19 – che non è stata considerata dall’autore di questo rapporto – ha probabilmente portato alla situazione descritta dai rettangoli verdi. Il prezzo del petrolio è sceso notevolmente e in fretta, soprattutto perché sono diminuiti alcuni consumi, per esempio quelli legati all’attività industriale e ai viaggi, ma non è diminuita la produzione. Anche la produzione e il consumo di cibo ovviamente non sono diminuiti in modo sostanziale: le persone mangiano anche se restano chiuse in casa. Resta da prevedere come la situazione potrà evolvere  nel prossimo futuro. Possiamo ad esempio pensare che la produzione industriale riprenderà abbastanza in fretta, anche perché adesso alla gente serve riprendere a lavorare per poter riprendere a guadagnare; riprenderanno probabilmente i viaggi di lavoro, che saranno solo in parte sostituiti dagli incontri in rete. È  probabile che i viaggi di piacere e il turismo saranno più lenti a riprendere, ma con un po’ di ritardo lo faranno anche loro. Sarà quindi tutto come prima? Mah… a quanto sembra, le aziende petrolifere hanno bisogno di tempi molto lunghi e di grossi investimenti per trovare e mettere in produzione nuove riserve. Tutto dipende da questo. 

Naturalmente, qualcuno dirà: “Meglio così, il mondo deve  imparare a fare a meno dei combustibili fossili”. Il ragionamento in apparenza è corretto, però tutto questo non potrà avvenire senza che il benessere delle persone ne risenta pesantemente. Certamente nei Paesi ricchi potrebbe essere possibile rinunciare a una parte di benessere senza particolari danni, ma abbiamo visto che per i Paesi poveri – e per la fascia più povera degli abitanti dei Paesi ricchi – si potrebbe prospettare un problema di disponibilità di cibo. Mi piacerebbe avere il parere di un esperto in economia, anche perché ho l’impressione che attualmente ci troviamo in una fase di “economia circolare”, intesa come “circolo vizioso”. Occorre che i Paesi ricchi consumino molto, per aiutare la crescita dei Paesi più poveri, dove sono state localizzate tutte la maggior parte delle produzioni di beni. Abbiamo già avuto in passato tanti segnali che ci dicono come tutto questo non sia sostenibile; il difficile è capire come si possa trasformare il circolo vizioso in circolo virtuoso, prima che le conseguenze sul piano sociale ci sfuggano di mano.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.