Acquisti sicuri online: il decalogo del consumatore shopper

Pubblicato il 23 Marzo 2019 in , da redazione grey-panthers

Il 15 marzo scorso è stata la Giornata Mondiale dei Diritti del Consumatore e per questa occasione è stato redatto un pratico decalogo di consigli su come fare shopping online in modo sicuro, salvaguardando la propria privacy. Proprio aumentare la fiducia dei clienti nelle transazioni e nella gestione dei pagamenti elettronici è una delle chiavi per un e-commerce di successo. Vediamo dunque gli elementi che i consumatori dovrebbero verificare prima di effettuare degli acquisti online che, di conseguenza rappresentano degli elementi imprescindibili per le imprese di e-commerce.

Una buona garanzia per gli acquirenti online è data dal fornire loro delle certificazioni di affidabilità, che si traducono in bollini di sicurezza d’acquisto online, come ad esempio “Trusted Shops” o “Symantec”, e nella presenza di lucchetti nella parte esterna dell’URL di colore diversificato a seconda del livello di sicurezza del sito: verde se il sito è affidabile, rosso se è necessario prestare attenzione. In questo modo, a colpo d’occhio, il potenziale cliente è in grado di valutare l’affidabilità della pagina che sta visitando.

In generale è meglio evitare di effettuare gli acquisti online quando si è connessi a delle reti WiFi pubbliche ed è consigliabile utilizzare la modalità privata (navigazione in incognito), così da proteggere al massimo i propri dati personali e rendere più difficile il tracciamento delle proprie attività online. Negli acquisti da privato a privato è consigliabile prestare attenzione e utilizzare, per le transazioni, piattaforme opportune quali i siti e le App dedicati all’acquisto e alla vendita di prodotti di seconda mano.

Scegliere come modalità di acquisto le carte di credito o Paypal Paypal ci facilita la realizzazione di pagamenti su e-commerce in modalità molto semplice e sicura, poiché l’informazione che dobbiamo fornire è minima e si tratta di una piattaforma di pagamento molto sicura e di fiducia. Inoltre, si consiglia di effettuare pagamenti con carta di credito piuttosto che con carta di debito, poiché in caso di sospetto di possibile frode, sarà molto più facile gestire le procedure per annullare il pagamento. I pagamenti mediante NFC da smartphone sono sempre più popolari, ma questa tecnologia non è ancora tra le più sicure e presenta ad oggi alcune vulnerabilità alle quali prestare attenzione con determinate accortezze, come proteggere lo smartphone con un codice PIN numerico o stabilendo una somma limite nei pagamenti.

Più il sito sarà in grado di offrire informazioni all’utente, come la pubblicazione di termini legali sulla protezione dei dati e informazioni sull’azienda, maggiore sarà la fiducia che il potenziale cliente potrà riporre nel sito di e-commerce, avendo anche la possibilità di effettuare ricerche su internet in merito, ottenendo feedback da altri consumatori. Che i siti internet e le App richiedano il consenso al trattamento dei dati da parte dell’utente, per poter conoscere il suo comportamento, attraverso i cookies, oppure online, attraverso dispositivi di geolocalizzazione, è ormai una pratica diffusa e necessaria. Altrettanto necessario è, da parte dell’azienda offrire tutti i dettagli perché l’utente possa fare una scelta consapevole, da parte del cliente leggere attentamente le informative.

I clienti devono avere la possibilità di esercitare i propri diritti in termini di protezione dei dati anche in ottica del nuovo GDPR. La password è uno dei principali schermi di protezione dagli attacchi degli hacker. Scegliere password con un elevato livello di sicurezza in qualsiasi operazione di effettui online rappresenta il primo passo necessario per proteggere i propri dati. In generale il consiglio è di scegliere stringhe composte da almeno una lettera maiuscola, almeno un numero e, se consentito dal sito, anche un simbolo.

L’ultima raccomandazione proposta, ma certamente non la meno importante, è quella di ricorrere ai grandi alleati che gli utenti hanno a loro disposizione per proteggere la propria sicurezza online: gli antivirus. Un gesto che può essere compiuto anche dai titolari dei siti di e-commerce, che possono così offrire ai propri clienti la garanzia di una piattaforma esente da malware.