Crema di cavolo nero con salsa morbida di ricotta e nocciole

Pubblicato il 23 Gennaio 2024 in , , da Joelle Nederlants
Crema di cavolo nero con ricotta e nocciole

Una ricetta tutta in leggerezza, ma che riscalda il cuore: le nocciole danno un po’ di croccantezza e la ricotta ammorbidisce il gusto del cavolo nero, senza aggiungere troppi grassi. Le verdure saltate in padella a crudo rimangono croccanti e molto gustose

Ingredienti per 4 persone

500 g di cavolo nero, 180 g di patate, 2 scalogni, 1,2 l di brodo vegetale, 160 g di cimette di cavolfiore viola, 160 g di ricotta, 60 ml di panna fresca, 40 g di nocciole, olio Evo, sale e pepe.

Procedimento

  • Pulite il cavolo nero eliminando la costa centrale, tenete da parte le foglioline del cuore (per il tocco finale), tagliate a listarelle le foglie e sciacquatele bene sotto l’acqua. Pelate le patate e tagliatele a dadini, pulite i scalogni e tagliateli a fettine.
  • In una casseruola con un filo d’olio Evo appassite lo scalogno, aggiungete le patate e il cavolo nero poi bagnate con il brodo vegetale, salate e fate cuocere coperto per circa 15’/18’. Frullate la crema con il frullatore a immersione aggiungendo 80 g di ricotta, aggiustate di sale e pepe.
  • Tagliate in due le cimette di cavolfiore viola, in una padella scaldate 2 cucchiai d’olio Evo, fate arrostire le cimette e le foglioline di cavolo nero (diventeranno croccanti), salate e giratele spesso, dopo circa 2’ toglietele e arrostite anche le nocciole per 1’.
  • Mescolate il resto della ricotta con la panna fresca, salate e pepate.
  • Servite la crema con la salsa di ricotta, le cimette di cavolfiore viola e le foglioline croccanti di cavolo nero, le nocciole spaccate, qualche goccia di crema di ricotta e una macinata di pepe.

Per saperne di più

Olio EVO: Non si tratta di un nuovo prodotto, l’acronimo EVO (introdotto dall’agronomo Massimo Epifani) viene utilizzato per indicare semplicemente l’olio extravergine d’oliva. 

Foto Riccardo Lettieri

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.