Matteotti e il fascismo, un racconto sul palco del teatro Parenti

Pubblicato il 25 Maggio 2024 in , da redazione grey-panthers
Matteotti

In scena il 30 maggio al Teatro Franco Parenti di Milano lo spettacolo “Giacomo” (Matteotti), una tragedia che ripropone, nella loro nuda e terrificante verità, le parole del segretario del PSU assassinato da una banda di fascisti per ordine di Mussolini

In scena giovedì 30 maggio al Teatro Franco Parenti lo spettacolo di Elena Cotugno e Gianpiero Borgia “Giacomo (Matteotti)”, una tragedia, politica e antispettacolare, che ripropone, nella loro nuda e terrificante verità, le parole del segretario del PSU assassinato da una banda di fascisti per ordine di Benito Mussolini. A cent’anni dalla marcia su Roma, Teatro dei Borgia e ArtistiAssociati portano in teatro il discorso politico di Matteotti, dando corpo alle parole che sono fondamenta della nostra Repubblica.

“Giacomo” è il primo dei ‘Ritratti drammatici’, un ciclo di produzioni che segnerà il campo di ricerca artistica del prossimo triennio del Teatro dei Borgia e che si comporrà di creazioni dedicate a chi ha sentito il bisogno di “Dare corpo laico alle proprie idee”, come diceva Pannella.

Lo spettacolo basato sui discorsi di Matteotti

La drammaturgia si alimenta dei verbali delle sedute dell’Assemblea parlamentare che definiscono il rapporto di Giacomo Matteotti con il fascismo, nello specifico mette a confronto due interventi di Matteotti in Parlamento: quello del 31 Gennaio 1921 in cui denuncia le connivenze tra le forze politiche borghesi e le squadracce fasciste, e quello del 30 Maggio 1924, l’ultima seduta a cui partecipò prima di essere assassinato, in cui contesta i risultati delle elezioni dell’aprile di quell’anno. Si tratta di parole che impressionano per la spietata lucidità con cui il deputato socialista analizzava i fatti. Un invito a riflettere su alcuni valori quali la militanza politica, i diritti di cittadinanza, la possibilità di opporsi alla violenza fascista richiamando i valori di libertà e democrazia, ma anche sul ruolo del teatro nella società in un modo in cui gli ideali diventano opera d’arte.

La scenografia, realizzata da Filippo Sarchielli, essenziale, desolata e volutamente sghemba è fatta di vecchi scranni parlamentari ricoperti di teli di plastica accatastati come in un naufragio: è l’immagine di un parlamento in dismissione, abbandonato dagli uomini e lasciato al suo disfacimento, come a significare la deformazione della politica che diventa metodo di sopraffazione e illegalità. Così come fu il fascismo. Simbolicamente rende bene il decadimento della qualità democratica. E restituisce in maniera plastica la situazione di questo Paese oggi.

A interpretare Matteotti è Elena Cotugno, due nomination agli UBU e premio Maschere del Teatro, che, come in un autentico rito teatrale, dà il suo “corpo laico” al discorso politico di Matteotti.

Dettagli dello spettacolo su Matteotti

“Giacomo (Matteotti)” – Un intervento d’arte drammatica in ambito politico

30 Maggio – Teatro Franco Parenti, Sala Grande

progetto Elena Cotugno e Gianpiero Borgia – testi di Giacomo Matteotti con interruzioni d’Aula – drammaturgia di Elena Cotugno e Gianpiero Borgia dai verbali delle assemblee parlamentari  del 31 Gennaio 1921 e del 30 Maggio 1924 – con Elena Cotugno – ideazione, coaching, regia e luci Gianpiero Borgia – artigiano dello spazio scenico Filippo Sarcinelli – costumi Giuseppe Avallone – coproduzione TB e Artisti Associati Gorizia – spettacolo prodotto con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito dei progetti per iniziative connesse alla celebrazione della figura di Giacomo Matteotti

in collaborazione con Milano è memoria – Comune di Milano,

Orario: giovedì 30 Maggio ore 21

Prezzi: SETTORE A  intero 20€ – SETTORE B e C intero 15 €  – over65 12€

Sconti speciali riservati ai possessori della Grey Panthers PREMIUM CARD

Informazioni 02 59995206 – biglietteria@teatrofrancoparenti.it

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.