fbpx

Humaniter

Buñuel

Il cinema di Luis Buñuel-Lo schermo nelle mani di un poeta

Testo della conferenza tenuta da Luis Buñuel alla Unam (Università Nazionale Autonoma del Messico) nel dicembre 1958 intitolata “Il cinema, strumento di poesia”   Il gruppo di giovani della Direzione per la Diffusione Culturale mi ha chiesto di partecipare a un convegno […] Si è convenuto che il tema fosse...
Luis Buñuel

Il cinema di Luis Buñuel – Cime Tempestose, dal romanticismo al surrealismo

Nello stesso anno in cui gira Él (Lui, 1953) e scrive, con il titolo provvisorio di Los náufragos de la calle Providencia, il primo abbozzo dell’Angelo sterminatore (1962) Buñuelriesce finalmente a realizzare un vecchio progetto: la versione cinematografica del romanzo Cime Tempestose (Wuthering Heigts, 1847) di Emily Brontë. Tali lavori dimostrano che in...
Luis Buñuel

Il cinema di Luis Buñuel – Él (Lui) e il ritorno a Freud

Come era avvenuto per Los Olvidados (I figli della violenza, 1950), dopo il successo di Robinson Crusoe, il produttore Oscar Dancingers accetta di finanziare un film in cui Buñuel possa esprimersi con la massima libertà in una storia che, come sottolinea lo stesso autore nelle sue memorie, non ha nulla di...
Luis Buñuel

Il cinema di Luis Buñuel – Robinson Crusoe, un naufrago della vita

Nel 1952, quando si è ormai stabilito definitivamente in Messico, Buñuel torna a lavorare per Hollywood mediante una coproduzione che vede coinvolto l’amico Oscar Dancingers per la versione cinematografica di Robinson Crusoe, capolavoro dello scrittore inglese Daniel Defoe. Per Buñuel il romanzo è lontano dal proprio orizzonte culturale e non...
Luis Buñuel

Il cinema di Luis Buñuel – La mano (e lo zampino) di Hollywood

Allucinazioni attorno a una mano morta Un uomo sta leggendo tranquillamente, seduto alla sua scrivania. Sono circa le undici di sera. Davanti a lui un grosso libro aperto. In quel momento si comincia sentire, come sottofondo, una musica soprannaturale. Lontano, sentiamo il canto di un gallo. Come un’eco si sente...

Il cinema di Luis Buñuel- Il periodo messicano

André Bazin in Francia è il primo e il più lungimirante tra i critici a capire la grandezza del Buñuel messicano e a parlarne sulla sua rivista, i Cahiers du Cinéma. Non solo per Los olvidados (I figli della violenza), ma anche per pellicole “minori” come Subida al cielo (Salita...
Luis Buñuel

Il cinema di Luis Buñuel – Storia, storie e utopie: 1929-38

I dieci anni che vanno dal 1929 al 1938, ossia tra la realizzazione del suo primo film, Un chien andalou, e la partenza per l’esilio americano, hanno un’importanza fondamentale nella vicenda umana e artistica di Luis Buñuel. Nella storia della Spagna moderna questo decennio è il più tormentato: compreso tra...
Luis Buñuel

Il cinema di Luis Buñuel – La metafora del “miele amaro”

Las Hurdes-Terra senza pane è un mediometraggio che Luis Buñuel gira tra aprile e maggio del 1933 in una delle zone rurali all’epoca più arretrate ed emarginate della Spagna. È il suo terzo film dopo l’autoprodotto Un chien andalou (1929) e L’âge d’or (1930), finanziato dal mecenate visconte di Noailles, sequestrato e proibito...
Luis Buñuel

Il cinema di Luis Buñuel – Analisi critica di “L’âge d’or”

Sul piano formale, questo film presenta una struttura tripartita con un prologo, uno sviluppo centrale e un epilogo. Prologo ed epilogo, della durata di circa 4 minuti ciascuno, appaiono completamente slegati rispetto alla storia centrale e ne costituiscono una sorta di cornice. A sua volta la storia (il tentativo sempre frustrato...