Legge di Stabilità 2017: ecco numeri e misure

Pubblicato il 17 ottobre 2016 in , da redazione grey-panthers

Una manovra da 24 miliardi, con 18 di coperture: la Legge di Stabilità 2017, che il Governo presenta in CdM per l’approvazione sabato 15 ottobre, è stata illustrata dal ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan alla commissione Bilancio della Camera. Nel frattempo, il Parlamento ha approvato la nota di aggiornamento al DEF che autorizza a chiedere alla UE uno 0,4% di flessibilità sul deficit 2017 (al 2%) per l’emergenza terremoto e vede il PIL all’1% nel 2017 (dallo 0,8% del 2016). Vediamo come si compongono entrate e uscite della Legge di Bilancio.

=> DEF, Bilancio e Stabilità: le risorse 2017

Uscite
Il grosso dei 24,5 miliardi di euro viene speso per sterilizzare le clausole di salvaguardia sull’IVA, misura che vale 15,1 miliardi. Il pacchetto sviluppo prevede uno stanziamento di 4,2 miliardi, fra proroga super-ammortamento al 140%, iper-ammortamento investimenti digitali al 250%, credito d’imposta ricerca e sviluppo, e altre misure per la crescita. Ci sono poi il taglio IRES al 24%, l’introduzione dell’IRI, tassa sul reddito dell’imprenditore, anch’essa con aliquota al 24%, la proroga delle detrazioni riqualificazione edilizia e ristrutturazioni. E ancora: il pacchetto giovani e incentivi al salario di produttività.

=> Ecco tutte misure nella Legge di Bilancio

Per riforma pensioni e welfare ci sono circa 3 miliardi di euro, cifra in cui vanno ricompresi gli interventi di riforma (anticipo pensionistico APE, rendita integrativa anticipata RITA, incremento quattordicesime e pensioni minime, lavori precoci e usuranti), il piano contro la povertà e il rinnovo del contratto per gli statali.

=> Riforma Pensioni: il vertice finale

Restano altri 2 miliardi per le cosiddette spese indifferibili (cassa integrazione, manutenzione di strade e ferrovie, missioni militari all’estero e finanziamenti all’Università).

Entrate
Dal fronte fiscale arrivano 5,8 miliardi di entrate aggiuntive (lotta all’evasione, voluntary disclosure bis). Ci sono poi circa 2,6 miliardi di tagli di spesa e ulteriori coperture per 7,7 miliardi. Per il resto, manovra finanziata a debito. Lo 0,4% in più di flessibilità che l’Italia chiede a Bruxelles vale oltre 3 miliardi.

Fonti: presentazione e dell’intervento di Padoan in commissione alla Camera.