Ricalcolo pensione: ricostituzione e supplemento

Pubblicato il 16 Gennaio 2023 in , da redazione grey-panthers
euro

Dopo essere andati in pensione avete percepito alcuni emolumenti relativi incentivi previsti nell’ambito della vostra attività lavorativa, afferenti però a un diverso ente pensionistico rispetto all’INPS? Per un eventuale aggiornamento dell’importo della pensione che percepite, come si risolvere il problema e si ottiene il ricalcolo del trattamento pensionistico? Gli emolumenti percepiti dopo essere andati in pensione permettono di ottenere in alcuni casi il ricalcolo della pensione stessa, ma lo strumento da utilizzare cambia a seconda che si tratti di un nuovo lavoro oppure se rientrino nelle somme dovute da parte del suo ultimo datore di lavoro e dunque già valutate a suo tempo dall’INPS.

Nel secondo caso (vecchio lavoro) potrebbe aver diritto alla ricostituzione della pensione. Altrimenti (nuovo lavoro) deve chiedere il supplemento pensione. In entrambe le circostanze, deve presentare domanda all’INPS, se è questo l’istituto previdenziale che le versa la pensione.

Si tratta di due diversi strumenti utilizzabili per ricalcolare la pensione in base a contributi con considerati ai fini della misura del trattamento percepito: il supplemento di pensione e la ricostituzione della pensione.

  • Con il supplemento pensione si conteggiano i contributi versati successivamente alla decorrenza della pensione.
  • Con la ricostituzionedellapensione si ottiene il riconoscimento di contributi già maturati prima della pensione ma non conteggiati.

Per quanto riguarda la ricostituzione, tenga presente che il termine di prescrizione è di tre anni. Sul portale INPS c’è un servizio dedicato alla ricostituzione pensione che lei può utilizzare per presentare la domanda, oppure può rivolgersi a un patronato, o ancora chiamare il contact center 803164 da rete fissa, oppure 06164164 da mobile a pagamento.

Il supplemento di pensione spetta invece a coloro che, da pensionati, continuano a versare all’INPS contributi. Devono essere trascorsi almeno cinque anni dal momento del pensionamento o dall’ultimo supplemento, ma è consentito (per una sola volta) chiedere la liquidazione di quanto dovuto dopo due anni. La domanda si presenta nello stesso modo previsto per la ricostituzione: tramite i servizi INPS online, contact center, oppure intermediari abilitati. Ci vogliono almeno cinque anni di contributi versati post-pensionamento, e anche successivamente il supplemento pensione si rivaluta ogni cinque anni.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.