“Falqui Erbe”, anche dopo un pranzo di nozze … alla Bruegel!

Pubblicato il 1 aprile 2017 in

Primavera, primi caldi, tempo di depurazione e detox. Ma anche di feste in campagna, prime Comunioni e e Matrimoni. Contro le pesantezze dei dopo pranzo delle feste, ecco come alleggerire la propria digestione, con Falqui Erbe, uno dei prodotti di casa Falqui (ricordate? L’azienda che ha fatto delle sue Zigulì un successo internazionale).

FlaconeFalquiErbe

E’ un ottimo integratore alimentare a base di  estratti vegetali, al 100% di origine naturale, senza Glutine. Aiuta il transito intestinale e favorisce una regolare digestione.

Il segreto di “Falqui Erbe” è nella selezione e nel dosaggio degli estratti vegetali che lo compongono: Rabarbaro, Frangula, Senna, Aloe, Tarassaco, Verbena, Finocchio, Anice Stellato, Carvi, Curcuma, Malva, Cannella.

 

RABARBARO3Rabarbaro: è una pianta erbacea perenne che appartiene alla famiglia delle Polygonacee  assai diffusa in Europa e in Asia. Sin dai tempi antichi era ritenuta una pianta medicinale a tutti gli effetti. Le sue proprietà  si esplicano a livello digestivo ed intestinale. E’ infatti utile nel migliorare la motilità intestinale a contrastare la stipsi e svolge un’attività antisettica nei confronti del colon.

Frangula-alnus-fruitsFrangula Frangula alnus (rhamnus frangula); Fam:Ramnaceae- Habitat: In pianura, in montagna, nelle radure dei boschi e nei terreni argillosi sino a 1000 metri. Parte utilizzata: la corteccia. La Frangula è un arbusto che cresce in luoghi umidi. Ha rami molto fragili, foglie ovali tondeggianti e frutti rossi della dimensione di un pisello. Deve il  suo nome alla fragilità dei suoi rami: dal latino frangere, rompere. Nel XVI secolo furono individuate le proprietà lassative della sua corteccia interna che, prima di essere utilizzata, viene essiccata, ridotta in polvere e setacciata. Le sostanze attive della Frangula (glucofrangoline) stimolano la peristalsi intestinale.

 

senna Senna Cassia angustifolia; Fam: Leguminosae, Cesalpinaceae. Habitat: Arabia, Africa, sud dell’India. Parte utilizzata: le foglioline. La Senna è una pianticella alta circa 50 cm che cresce nelle zone desertiche. Ha foglie lanceolate di color verde chiaro, con piccoli fiori gialli e baccelli. A fine estate i rami tagliati si fanno essiccare al sole, quindi si procede alla separazione delle piccole foglie dai legumi. L’infuso si ottiene facendo macerare in acqua bollente le foglioline secche finemente sminuzzate. La Senna ha proprietà lassative e costituisce un buon trattamento contro la stipsi.

Aloe Habitat: pianta grassa nativa delle Indie Occidentali e dell’Africa Meridionale. Viene coltivata anche nel sud dell’Italia in pieno sole. Parti usate: succo estratto dalle foglie. Proprietà: tonica, stimolante, lassativa. 

 

Tarassaco Taraxacum officinale. Fam: Asteraceae Habitat: Diffuso quasi ovunque ai lati dei fossi, sia al mare che ai monti, sotto i 2000 metri. Parte usata: foglie e radici. Proprietà: lassativo, diuretico, digestivo. Il Tarassaco, o Dente di leone, è conosciuto popolarmente con i nomi di Soffione e Piscialetto per la forma aerea e delicatissima degli acheni che formano il fiore tra marzo e novembre e per una proprietà particolarmente diuretica. È un’erba perenne con radice spessa e carnosa, foglie lunghe e frastagliate, riunite in rosetta basale. Questa pianta, comunissima in tutti i prati, è spesso usata nelle insalate per il suo gusto amarognolo. Per gli infusi vengono utilizzate sia le foglie sia la radice. Considerata in passato soltanto come diuretico, deve alla moderna farmacopea il riconoscimento delle sue proprietà, oggi applicate in tarassacoterapia. I suoi costituenti più apprezzati sono i glucidi, i sali minerali, la provitamina A, l’olio essenziale, il tannino, l’inulina, le vitamine B e C. Ha proprietà digestive, depurative, toniche e lassative.

Verbena Verbena officinalis (fam. Verbenaceae) Proprietà: la Verbena ha proprietà antidolorifiche, disintossicanti, antispasmodiche, antinfiammatorie, antidepressive, sedative per la tosse e rilassanti. La Verbena è una pianta rustica, ha fiori non profumati ed è una erbacea perenne. E’ ricca di principi attivi quali verbenina, tannini, flavonoidi, oli essenziali, e saponine. Nota sin dall’antichità per le sue straordinarie proprietà terapeutiche è largamente utilizzata in erboristeria, nei medicinali e nelle tisane.

 FINOCCHIO SELVATICO (Foeniculum vulgare)Finocchio Foeniculum vulgare; Fam: Ombrellifere. Habitat: Località ben esposte, aride e secche, del Mediterraneo. Giardini e orti. Parte utilizzata: il frutto. Originario delle regioni mediterranee il finocchio selvatico è diffuso anche nelle zone temperate d’Italia. È una pianta spontanea, perenne, con foglie pennatosette e piccoli fiori gialli simili a ombrellini. La sua radice ha proprietà diuretiche. Sono almeno tre le specie più conosciute di finocchio: il finocchio selvatico, i cui semi essiccati costituiscono la parte utilizzabile a scopo medicinale; il finocchio dolce, usato in gastronomia per insaporire salse, verdure in salamoia e cotture di pesce; il finocchio volgare, coltivato come ortaggio e utilizzato in cucina. La pianta è ricca di un’essenza, l’anetolo, stimolante e digestivo, presente in modo più attivo nei semi. È efficace contro i disturbi della digestione, aerofagie, nausee, gonfiori intestinali.

Anice stellato Bellissimo albero tropicale sempreverde originario dell’Asia centrale. Proprietà: stomachiche, carminative, balsamiche e secretive. E’ utile per gli spasmi intestinali, il meteorismo e i catarri delle prime vie aeree. I fiori sono di colore bianco giallastro con numerosi stami e sono simili ad una stella. Il principio attivo dell’anice stellato è l’anetolo e della pianta si usano i frutti.

Carvi Habitat: Il Carvi è il frutto di una pianta biennale che si trova nei pascoli montuosi incolti. Parti usate: frutti. Proprietà: digestivo, elimina il meteorismo e ha un blando effetto antisettico intestinale.

Curcuma E’ una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Zinziberacee  originaria dell’Asia, dell’Indonesia e dell’India. Viene anche coltivata in Africa e in Brasile. I fiori, a spiga, sono bianchi e gialli. E’ il principale ingrediente del curry e della mostarda. Viene largamente usata sia nella medicina cinese che in quella Ayurvedica come depurativo, digestivo, per i disturbi epatici  e alla cistifellea, per flatulenze e disturbi mestruali. Della pianta si usa il rizoma.

 

Malva Habitat: erba annua o bienne con foglie cuoriformi e fiori violetti. Comunissima negli erbosi incolti e lungo i bordi delle strade di campagna. Parti usate: foglie e fiori. Proprietà: espettorante, emolliente, lassativa, calmante.

Cannella

Questa meravigliosa pianta appartiene alla famiglia delle Lauracee. In realtà le piante della cannella sono due. La più pregiata  è originaria dello Sri Lanka, l’altra della Cina. Da questa pianta si ricava la preziosa e buonissima spezia che tutti conosciamo e usiamo. Solo la Cannella più pregiata ha però proprietà curative e di essa si utilizza la corteccia. Ricca di proteine, zuccheri, fibre e minerali tra cui calcio, magnesio, potassio, ferro, sodio, selenio e zinco. È anche ricca di vitamine. La Vitamina A e alcune vitamine del gruppo B (B1,B2,B3,B5,B6) Vitamina C , Vitamina E, K e J. Sarebbe bene tenere sempre in casa i preziosi bastoncini e ogni tanto masticarne un pezzettino! Proprietà: La Cannella è un antisettico naturale, combatte batteri e virus, regola gli zuccheri nel sangue ed è pertanto un valido aiuto per diabetici e iperglicemici, favorisce la digestione e previene la fermentazione addominale.

“Falqui erbe” è in vendita in farmacia. Il flacone contiene 120 compresse. Posologia: 3 compresse al giorno, accompagnate da un bicchiere d’acqua.

Lascia un commento