1-9 dicembre: la Prima Diffusa porta l’energia dell’Opera ovunque, in diversi punti della città

Pubblicato il 21 novembre 2018 in
Prima Diffusa Edison

 Dal 1° al 9 dicembre 2018, Prima Diffusa è in città con Attila” di Giuseppe Verdi e oltre 50 eventi ad accesso libero.

Il Comune ed Edison con Prima Diffusa portano a Milano l’energia dell’opera che inaugura la stagione 2018/2019 del Teatro alla Scala: 40 luoghi e spazi della città ospitano proiezioni, rievocazioni, laboratori, reading e performance, incontri e conferenze dedicati all’opera di inaugurazione della stagione scaligera. 

Per l’ottavo anno consecutivo, la sera del 7 dicembre, la Prima verrà trasmessa in diretta nei luoghi simbolici dei nove municipi e fuori città. Dalla Galleria Vittorio Emanuele II, il Teatro dal Verme, l’Istituto penitenziario per minorenni Cesare Beccaria e la Casa dell’Accoglienza Enzo Jannacci e da quest’anno anche al Pio Albergo Trivulzio, Casa Emergency, Ospedale Maggiore e Casa Vidas. 

“Siamo orgogliosi di annunciare per l’ottavo anno consecutivo la collaborazione di Edison con il Comune di Milano e con il Teatro alla Scala in occasione di Prima Diffusa”, dichiara Marc Benayoun, amministratore delegato di Edison. “In questi anni abbiamo costantemente fornito la nostra energia per alimentare un’idea e un progetto innovativi ed esclusivi per la ‘nostra’ città di nascita e in collaborazione con un’icona milanese – il Teatro alla Scala – che da sempre crea e rappresenta una delle maggiori eccellenze italiane nel mondo. Edison da oltre 130 anni produce e diffonde energia al Paese. Da allora, l’energia è evoluta, è più intelligente, più pulita, più versatile, è sempre più vicina alle persone. Siamo emozionati nel pensare che grazie a Prima Diffusa l’energia Edison diventa anche una razionale forma di magia.” 

Prima diffusa Edison

L’avvio del palinsesto di Prima Diffusa edizione 2018, la sera del 1° e del 2 dicembre, avrà luogo nel cortile del Castello Sforzesco con Attila al Castello, una rievocazione storica che riporterà in vita i protagonisti dell’opera di Giuseppe Verdi. Le schiere unne di Attila si fronteggeranno alle legioni di Ezio, l’ultimo valoroso generale romano che sconfisse l’unno nella battaglia dei Campi Catalaunici. 

I milanesi potranno visitare l’accampamento dei romani e quello dei barbari, assistere a duelli tra guerrieri germanici e giochi di abilità tra cavalieri unni, tirare con archi storici, seguire le attività degli artigiani impegnati nella forgiatura del ferro, scoprire le origini della falconeria: tutto questo sarà possibile nella due giorni all’interno di Castello Sforzesco, mentre alla luce di bracieri, attori-narratori racconteranno i passi più misteriosi della vita di Attila. Saranno tante anche le sorprese per i più piccoli: dall’addestramento alla battaglia al tiro con l’arco, fino alla possibilità di assistere a vere e proprie sfide a cavallo.  

Per Prima Diffusa gli allievi dell’Accademia Teatro alla Scala daranno la loro lettura di Attila attraverso un progetto espositivo, articolato e sviluppato in diversi luoghi della città, volto a valorizzare il lavoro delle molteplici figure professionali tecnico-artistiche che collaborano alla realizzazione di un’opera teatrale: dallo scenografo al sarto, dall’esperto in effetti speciali al lighting designer al fotografo e videomaker. 

Lo stesso 1° dicembre gli allievi dell’Accademia Teatro alla Scala grazie a un progetto espositivo che dalla Sala Viscontea del Castello Sforzesco si svilupperà fino al 9 dicembre su diverse sedi (CineTeatro Delfino, Spazio Tadini e Barrio’s), daranno la loro personale lettura di Attila, mettendo in luce il lavoro delle molteplici figure professionali tecnico-artistiche coinvolte nella produzione dell’opera: dallo scenografo al sarto, dall’esperto in trucco ed effetti speciali al lighting designer al fotografo e videomaker. 

Il percorso comprende una videoinstallazione e l’esposizione di bozzetti e figurini ispirati all’opera verdiana, di costumi di scena di storiche edizioni scaligere, oltre a progetti di special make-up con la realizzazione live del trucco speciale per il personaggio di Attila: avvolto in uno spazio sonoro dominato da grandi pannelli su cui scorreranno video e immagini fotografiche, il pubblico, guidato dai protagonisti della Prima, potrà così aggirarsi indisturbato dietro le quinte e nella sala del Teatro, dove si sta preparando Attila e vedere in anteprima alcune delle scene dell’opera. 

Neri Marcorè, Valerio Massimo Manfredi, Daniele Giglioli, Antonio Sgobba e Pacifico sono i protagonisti in diversi luoghi delle città (dalla Triennale al Mare Culturale Urbano, dallo Spazio Teatro 89 allo Spazio Tadini e al Castello Sforzesco) di un ciclo di appuntamenti, Incontri barbari, intorno alla figura di Attila e ai barbari di ieri e di oggi, che raccontano il rapporto con l’altro e con l’invasore, partendo dalla storia del re degli Unni e arrivando alla storia contemporanea, al rapporto fra bene e male. 

Il programma e l’intero palinsesto di Prima Diffusa 2018 sono disponibili su comune.milano.it/primadiffusa ed edison.it/prima-diffusa. 

Edison illumina dal 2010 l’opera che inaugura la stagione scaligera con l’energia prodotta da fonti rinnovabili. Ogni anno, l’intero fabbisogno energetico viene compensato da appositi certificati che comprovano la provenienza dell’energia da fonti pulite, evitando l’emissione in atmosfera di anidride carbonica. Da quando, nel 1883, Edison ha illuminato il Teatro alla Scala di Milano, sono trascorsi oltre 130 anni. In questo tempo l’energia è evoluta, è più intelligente, più pulita, più versatile e sempre più vicina alle persone. In questo senso, la storica collaborazione con il Teatro alla Scala e il progetto di Prima Diffusa insieme al Comune di Milano sono per Edison la conferma del percorso che l’azienda sta proseguendo con costanza e con coerenza da oltre 130 anni di attività nel settore: costruire un futuro di energia sostenibile. 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.