Gli amici di Humaniter su grey-panthers.it

Pubblicato il 17 febbraio 2016 in Speciali Humaniter
Nuova amicizia tra Fondazione Humaniter e grey-panther 1

Una missione laica e liberale contro la povertà della solitudine, dell’ignoranza, contro l’esclusione dai circuiti informativi, culturali e creativi. La Società Umanitaria, dalla sua nascita, nel 1893, è sempre stata un’istituzione di grande rilevanza sociale, legata al pensiero e all’opera di uomini che si sono battuti perché a tutti fosse data la possibilità di elevarsi, attraverso il lavoro e l’istruzione. L’attività sociale è ancora oggi il fine presente nello Statuto dell’Ente che, con l’impegno di collaboratori e di volontari, lavora per soddisfare nuovi bisogni creatisi con l’evoluzione e il cambiamento della società, specialmente nell’ambito del lavoro e della famiglia.

Computerkurs fr SeniorenPer rispondere alle nuove esigenze culturali, da vivere come intense esperienze di vita, l’Umanitaria ha creato, nel 1994, la Fondazione Humaniter. A lei dal 2013 grey-panthers.it dedica  questi spazi, per presentare le numerose attività che questa Fondazione promuove. Due, per il momento, le sedi istituzionali: a Milano l’Humaniter ha sede nella splendida cornice dei chiostri quattrocenteschi della Società Umanitaria (Via Daverio 7- 20122 Milano – tel. 02-5796831 fax. 02-5511846 – L’ingresso alla Fondazione Humaniter e’ in via san Barnaba, 48) e a Napoli in un palazzo storico della città alta, nel cuore del Vomero.

Ai nostri lettori interessati a una vita ricca di stimoli, conoscenze, interessi e anche rapporti interpersonali, suggeriamo le numerose attività della Fondazione. Con una promessa, riconfermata, da parte nostra: di dare spazio e accogliere il meglio di queste esperienze, soprattutto sotto forma di risultati di lavori e studi di gruppo. Ancora una volta la conferma che senior è bello, se lo spirito è vivo!

ULTIMISSIME DA HUMANITER 31 MARZO 2016

 

Dall’11 al 15 aprile La Fondazione Humaniter organizza la “Settimana del volontariato” per valutare nuovi corsi e nuove docenze per l’anno accademico 2016/2017. Ogni anno centinaia di persone decidono di dedicare parte del loro tempo per trasmettere il loro sapere a migliaia di corsisti tutti animati dalla stessa passione: apprendere nuove conoscenze o semplicemente coltivare gli interessi di una vita divertendosi, in un clima sereno, libero e amichevole.

“È palpabile la gioia con cui le persone seguono i nostri corsi e si avverte l’eccitazione con cui si aspetta il primo giorno di lezione – dice Franca Magnoni Direttrice di Humaniter – per molte persone infatti Humaniter è diventata una seconda casa! In tanti anni di attività ho avuto modo di conoscere centinaia di persone entusiaste all’idea di poter condividere con altri le proprie conoscenze: docenti in pensione che, liberi da registri, voti, esami, diplomi (e magari studenti svogliati!) riscoprono il piacere dell’insegnamento, professionisti delle più disparate materie che si calano nel ruolo di novelli insegnanti, oppure persone che hanno coltivato un hobby per tutta la vita e non vedono l’ora di incontrare nuovi amici con lo stesso interesse. L’Humaniter è un’importante comunità culturale in continua crescita di cui siamo molto orgogliosi”.

Tutti i docenti volontari hanno a disposizione le attrezzature presenti all’Humaniter: un laboratorio di falegnameria, una cucina attrezzata, un pianoforte, cavalletti per il disegno, un videoproiettore e un lettore cd/dvd, schermo TV, lavagne a fogli, pc portatile e servizio fotocopie e hanno piena libertà di strutturare il loro insegnamento in base alle loro esigenze (si valutano corsi diurni e serali, corsi annuali e trimestrali, corsi di durata breve, insegnamenti settimanali o quindicinali). Potranno inoltre frequentare i corsi di loro interesse e partecipare a tutte le attività culturali della Società Umanitaria gratuitamente.

Direttore Humaniter e Presidente UmanitariaCorsi Humaniter per il tempo libero: Vent’anni di attività

I corsi Humaniter per il tempo libero della Società Umanitaria hanno alle spalle una storia ventennale. Il progetto è infatti nato a Milano nel 1994 ed è presto diventato uno dei capisaldi della vita della Società Umanitaria (tanto da estendersi anche alle sedi dell’Ente presenti a Napoli e a Roma). Humaniter non è soltanto una classica Università della Terza Età, ma un esperimento sociale ex novo, nel segno del grande tema dell’educazione permanente (da sempre nel dna della Società Umanitaria) a cui, al piacere di partecipare, di imparare, di condividere si intreccia la disponibilità, la solidarietà, l’altruismo e la volontà di combattere l’esclusione sociale.

Ogni anno offriamo più di 600 corsi diurni e serali tra cui scegliere (spaziando dalla storia all’arte, dalla letteratura alle lingue straniere, dall’informatica allo yoga e ancora, corsi di salute e benessere, cinema e fotografia, pittura e scultura, teatro e danza, musica e canto, ricamo, cucina, scrittura creativa, botanica, psicologia e marketing: insomma ce n’è per tutti i gusti!), tenuti da oltre 450 docenti volontari, che trasmettono e condividono i loro sapere con gli oltre 5000 corsisti che ogni anno affollano le aule e i splendidi chiostri rinascimentali della Società Umanitaria, un oasi di pace nel pieno centro di Milano, alle spalle del Palazzo di Giustizia.

Il mondo Humaniter è inoltre un correttivo di una quotidianità che per molti anziani è segnata dalla solitudine, generata dall’allentamento o dalla perdita dei legami famigliari e dalla difficoltà a comunicare con gli altri in termini affettivi e dialogici.

“La formidabile ricetta dell’Humaniter – spiega Piero Amos Nannini, Presidente della Società Umanitaria – risiede nello stare insieme, nel partecipare assieme, nell’impegnarsi insieme. Così facendo, i nostri soci ci aiutano a costruire una meravigliosa Agorà in continua espansione, trovando le energie per sorridere alla vita e tornare a guardare con fiducia al futuro: non è mai troppo tardi per iniziare”.

 LA PAROLA AI DOCENTI VOLONTARI

dal volume “il Fattore H. Quando la vita è Humaniter”, edito nel 2014 per celebrarne i vent’anni di vita

Chiara Tazzari Honweling

Che dire? È solo dal 2007 che frequento la Fondazione e mi si è aperto un mondo. Ero felicissima di essere andata in pensione, ma mi mancava il rapporto con le persone. Qui ho ritrovato il contatto con la gente, ho fatto nuove amicizie. Le persone che seguono le mie lezioni si divertono come me. Anche io imparo da loro: la vita di ognuno è ricca di spunti molto interessanti ed educativi. Che dire allora della mia esperienza in Humaniter? Positiva ed arricchente senza ombra di dubbio.

Paola Primolevo

La mia esperienza in Humaniter nasce innanzitutto come studentessa, nel 2006. Sono rimasta favorevolmente colpita dalla varietà di corsi e soprattutto dall’idea di base, di condivisione della propria conoscenza. Timidamente, mi sono proposta nel 2013 per un corso di inglese e… quanta energia ed entusiasmo da parte di tutti!

 Raffaella Pizzi

In questi sette anni di attività come docente volontaria, ho potuto apprezzare lo spirito vitale di fervida attività culturale e creatività che si respira in tutti i progetti della Fondazione Humaniter. Mi sono sentita partecipe in numerose iniziative di diffusione del sapere, promosse e organizzate benissimo da tutte le persone stupende che lavorano tutti giorni con dedizione e cura alla Fondazione. Sono grata all’Humaniter per la crescita esistenziale che ha contribuito ad infondermi e di rendermi parte della sua vocazione di favorire una “Civiltà che si rinnova” e contribuire sempre più a promuovere la qualità della vita delle persone. In questi sette anni di attività come docente volontaria, ho potuto apprezzare lo spirito vitale di fervida attività culturale e creatività che si respira in tutti i progetti della Fondazione Humaniter. Mi sono sentita partecipe in numerose iniziative di diffusione del sapere, promosse e organizzate benissimo da tutte le persone stupende che lavorano

I corsi Humaniter per il tempo libero della Società Umanitaria

Via San Barnaba,48. tel 0255192966 ; mail milano@humanier.org
www.humaniter.org

 

 

Lascia un commento