Futuristi

Ad Aosta, alla scoperta di Fortunato Depero

Pittore, scultore, pubblicitario italiano davvero originale (sue le pubblicità di Campari, Strega e biciclette Bianchi) fino a maggio svela il suo universo in oltre 100 opere dal 1912 al 1950, al Museo Archeologico Regionale

A Venezia, sapori e design di grande attualità

  I Futuristi volevano annientarla: interrare il Canal Grande, bruciare le gondole e spegnere la luna. Provocatoriamente, si opponevano allo stanco riprodursi – tra colori del tramonto e luci riflesse – del mito romantico di Venezia e dell’epoca d’oro che la vide Repubblica marinara e patria di Goldoni, potenza commerciale...