“Le ricette di Petronilla”, a cura di Stefania Barzini

Pubblicato il 2 ottobre 2017 in , da redazione grey-panthers
petronilla

“Le ricette di Petronilla”, di Amalia Moretti Foggia, a cura di Stefania Barzini

Guido Tommasi Editore

pagine 352 – euro 18

Acquista online

Petronilla, dott. Amal. Chi si nasconde dietro questi pseudonimi sulla “Domenica del Corriere”, sul “Corriere dei Piccoli”? Chi, per quasi vent’anni, tra il 1929 e il 1947, ha insegnato a milioni di italiani, a mangiar bene con poco, a curarsi correttamente, a vivere una vita più sana ed equilibrata?
Amalia Moretti Foggia con i suoi lettori intratteneva un dialogo serrato, destreggiandosi con abilità tra i diversi registri di scrittura che i vari “nom de plume” richiedevano: era il burbero e professionale dott. Amal, che insegnava a non scherzare con erbe e medicamenti, ma anche la colloquiale e scherzosa Petronilla, con le sue ricette dei tempi di guerra, pochi ingredienti e gusto garantito. Ebbero grande fama il dott. Amal e Petronilla, mentre ad Amalia Moretti Foggia l’identità venne riconosciuta dal Corriere solo postuma, quando, il 15 luglio 1947, a sepoltura avvenuta come lei stessa aveva disposto, si diede notizia della morte a 75 anni della dottoressa Amalia Della Rovere Moretti Foggia, medico pediatra.

Oggi, Guido Tommasi Editore ripropone “Le Ricette di Petronilla”, raccogliendo gli originali suggerimenti gastronomici di Petronilla, presentando ricette per ogni occasione. Dai primi piatti alle pietanze di carne, pesce e verdura, per concludere con dolci, marmellate e liquori. Il volume è arricchito dalla testimonianza di Gianfranco Moretti Foggia, nipote di Amalia e memoria storica dell’illustre famiglia della quale proveniva Petronilla, svelando dettagli, aneddoti e curiosità altrimenti sconosciuti della vicenda biografica nascosta dietro un nome d’arte diventato celebre.

Il libro è stato curato da Stefania Barzini, scrittrice, giornalista, autrice televisiva che i lettori di Grey Panthers conoscono bene: sua infatti la rubrica “In viaggio, stregata dai sapori”  dove racconta un altro modo di affrontare la cucina, per imparare a leggere e capire il mondo anche attraverso il cibo, che può raccontare gioie, emozioni, storie, culture, luoghi.
La giornalista, nel libro dedicato a Petronilla, è autrice di alcune ricette a lei ispirate, che conducono alla riscoperta della cucina semplice, casalinga e parsimoniosa che ispirò i pranzi e le cene di migliaia di famiglie italiane negli anni ’30 e ’40. Barzini nella prefazione confessa di aver sognato “per tutta la vita di essere Petronilla”, in una rubrica di cucina per poter dialogare con le casalinghe di oggi. Qui propone ricette “un po’ particolari, semplici, di cucina quotidiana ma anche adatta ai giorni di festa”, lontana dagli artifici da chef televisivi, proponendo un “piccolo universo culinario, cos’ come molti anni fa ha fatto mirabilmente Petronilla”.

“Una riproposta encomiabile, che le amiche grey-panthers non si lasceranno sfuggire. Perché il buon senso in cucina è una costante che vale sempre, che vince sulle mode e sulle manie. La povertà dei tempi di guerra quando scriveva Petronilla, valgono i momenti bui di tante famiglie oggi, che a scrivere e lavorare di buon senso e fantasia è Stefania Barzini. Donna che noi conosciamo bene perchè  capace di fare pranzi luculliani, ma anche di portare in tavola piatti poveri per costo di ingredienti, e comunque ricchi, sempre, di amore gastronomico”(vp).