Startup innovative, il 40% nasce online

Pubblicato il 11 ottobre 2017 in , da Piero Romano

La Lombardia è la regione italiana in cui si registra il maggior numero di startup innovative che nascono utilizzando la nuova procedura online delle Camera di Commercio, modalità poco utilizzata in altre Regioni ad alto tasso di nuove imprese innovative, come ad esempio il Piemonte: il report trimestrale di Unioncamere sottolinea come, nel periodo luglio-settembre, trimestre caratterizzato tradizionalmente da un numero inferiore di iscrizioni di nuove imprese, si confermi il dato medio 2017 in base al quale il 40% abbondante delle startup innovative utilizza la procedura online con firma digitale.

=> Startup innovative, come funziona la costituzione online

In genere, si tratta di aziende con un capitale sociale da 5mila a 10milaeuro, ma inizia ad affermarsi anche l’iscrizione online per classi di capitale più consistenti (fra i 10mila e i 50mila euro). Il settore maggiormente rappresentato è quello dei servizi alle imprese, con una concentrazione rilevante nella produzione di software e consulenza informatica.

La nuova procedura di iscrizione startup innovative online è diventata operativa il 20 luglio 2016 dopo la circolare del MiSE del primo luglio (attuativa del decreto del febbraio 2016, e del Dl 3/2015, articolo 10). E’ stata potenziata dallo scorso 22 giugno 2017 con la possibilità di modificare online atto costitutivo o statuto. La piattaforma è gratuita, garantisce l’autenticità degli atti grazie alla firma elettronica, non rendendo necessario l’intervento di intermediari, fornisce il modello standard di atto costitutivo (comunque personalizzabile). Gli startupper possono comunque scegliere se utilizzare la procedura online oppure quella tradizionale tramite atto pubblico.

Lascia un commento