Pensione anticipata contributiva a 64 anni: a chi spetta nel 2022

Pubblicato il 11 Settembre 2022 in , da redazione grey-panthers

In Italia, il dibattito sulla Riforma delle Pensioni è concentrato sulle opzioni per accedere all’uscita anticipata, con formule sostenibili per il sistema previdenziale, anche a costo di prevedere una penalizzazione economica sull’importo dell’assegno pensionistico, ad esempio calcolando il trattamento con il solo metodo contributivo. In attesa di sapere se e quali saranno le strade percorribili in questo senso, anche in base a quello che sarà il risultato elettorale delle Politiche del 25 settembre 2022,  analizziamo una delle opzioni che già oggi in vigore e che potrebbe essere rivisitata in ottica estensiva: la pensione anticipata contributiva da ricevere a 64 anni, al momento riservata ai lavoratori il cui accredito contributivo è interamente successivo al 31.12.1995: servono almeno 20 anni contributi effettivi (quindi con esclusione degli accrediti figurativi) e nel 2022 possono sfruttarla coloro che hanno già maturato un assegno minimo di 1.313,28 euro al mese (2,8 volte l’assegno sociale). Vediamo in dettaglio come accedervi e quali differenze comporta rispetto alle formule di uscita della Legge Fornero.

Pensione anticipata contributiva: come funziona

Questa opzione, che si aggiunge dunque alla pensione di vecchiaia e alla pensione anticipata ordinaria, è riservata al momento ai soli lavoratori iscritti al sistema pensionistico a partire dal 1° gennaio 1996 e prevede dunque il calcolo dell’assegno interamente con il metodo contributivo. Scegliendo questa strada, i lavoratori in possesso dei requisiti richiesti possono andare in pensione a 64 anni di età (più l’eventuale adeguamento alle aspettative di vita), con un requisito contributivo effettivo di almeno 20 anni. Ma attenzione, per i contributivi puri c’è un ulteriore vincolo: bisogna aver maturato un assegno pensionistico pari almeno a 2,8 volte l’importo dell’assegno sociale, come annualmente rivalutato sulla base della variazione media quinquennale del prodotto interno lordo (PIL) nominale, appositamente calcolata dall’Istituto nazionale di statistica (ISTAT), con riferimento al quinquennio precedente l’anno da rivalutare. Per il 2022 l’importo mensile dell’assegno sociale è di 469 euro circa, quindi per accedere alla pensione anticipata contributiva bisogna aver maturato un assegno previdenziale pari o superiore a 1.313 euro.

Come accedere alla pensione contributiva a 64 anni

Ai fini requisito contributivo, è utile solo la contribuzione effettivamente versata (obbligatoria, volontaria, da riscatto) con esclusione di quella accreditata figurativamente a qualsiasi titolo ed è necessario che tutti i contributi siano stati versati nel sistema contributivo puro (quindi, a partire dal primo gennaio 1996), anche effettuando il cumulo all’interno delle diverse gestione INPS. Questo avviene in due casi:

  • quando tutti i contributi sono stati versati a partire dal 1996 e non si è versato alcun contributo prima di tale data;
  • quando è possibile optare per il computo nella Gestione Separata, avendo contribuzione versata in quest’ultima.

Il computo in Gestione Separata a sua volta richiede i seguenti requisiti:

  • avere contributi versati prima del 1996;
  • avere meno di 18 anni di contributi versati prima del 1996;
  • avere almeno 5 anni di contributi versati a partire dal 1996;
  • avere almeno 15 anni di contributi totali.

Differenza tra pensione contributiva e di vecchiaia

La pensione di vecchiaia secondo le regole Fornero richiede 20 anni di contributi e 67 anni di età, mentre quella anticipata contributiva permette di anticipare l’usciata a 64 anni con gli stessi contributi, a patto di avere versamenti solo successivi al 1° gennaio 1996. Di contro, per questi soggetti, se non si hanno i 20 anni di contributi, la pensione di vecchiaia scatta soltanto a 71 anni con un montante di almeno 5 anni.

Pensione anticipata contributiva: a chi conviene?

Per chi ha iniziato a versare contributi a partire dal 1996 la pensione anticipata contributiva è sicuramente un’opzione molto valida. Per chi, pur avendo contributi versati prima del 1996, opta per il calcolo interamente contributivo, invece che per quello misto, è importante valutare bene costi e benefici di uscire con qualche anno di anticipo dal mondo del lavoro. Il metodo contributivo puro, infatti, rispetto al sistema di calcolo misto, comporta delle penalizzazioni in termini di ammontare totale dell’assegno previdenziale.

=> Pensione anticipata: cosa cambia da contributivo a misto

Utile per questo scopo fare una simulazione della pensionespettante, per determinare quanto il calcolo interamente contributivo penalizzerebbe la propria pensione, anche valutando quanto manca al compimento dei 67 anni, età che consente di accedere alla pensione di vecchiaia senza penalizzazioni. Per sapere quando potrai andare in pensione puoi provare il tool gratuito che PMI.it ti mette a disposizione per calcolare direttamente online il giorno di decorrenza della pensione.

=> Calcolo Pensione online

Ultimo aspetto da sottolineare è che, come la pensione anticipata contributiva, anche la pensione di vecchiaia prevede 20 anni di contribuzione minima versata e, per i cosiddetti contributivi puri, ovvero coloro che non hanno versamenti antecedenti il 1996, una soglia minima di pensione pari ad almeno 1,5 volte l’assegno sociale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.